Iscriviti alla newsletter

Tel. +39 030 5240195 info@studio361.it

Adobe CC 2015 – Update or die

Abbiamo volutamente intitolato questa News “Adobe CC 2015 – Update or die” (aggiornati o muori) perchè è ormai lampante la tendenza presa da Adobe sulla fruizione dei software e dei flussi di lavoro, bisogna usarli tutti e su tutti i supporti a disposizione!
Ci avrete sentito ripetere centinaia di volte frasi del tipo: “Non è possibile utilizzare un solo software per fare tutto”, “Tenersi aggiornati è importante, si lavora più velocemente, si riducono i tempi morti!”, “Dedicare tempo e risorse alla formazione è fondamentale per ottimizzare  i flussi di lavoro” ,  inspiegabilmente i corsi di gruppo che organizziamo non raccolgono interesse, nonostante i prezzi veramente appetibili, se fosse un problema di prezzo, ci sarebbero utenti che dedicano tempo a studiare on-line gratuitamente, ma non è così, tutti si lamentano della mancanza di tempo e non si rendono conto che il tempo manca perchè viene sprecato in operazioni tortuose o errate che potrebbero essere migliorate con un corso di aggiornamento….il solito cane che si morde la coda, il loop da cui non si esce mai……ma questa è una storia vecchia 20 anni e quindi non è il caso di ripeterla ora….
Invece vale la pena di far sapere a tutti che, con questa nuova versione Adobe Creative Cloud ci mette di fronte ad  altri cambiamenti fontamentali che sono davanti agli occhi di tutti, ma per pigrizia, timore o chissà quale altro motivo, moltissimi cercano di ignorare. Mi avrete sicuramente sentito dire: “E’ inutile nascondere lo sporco sotto al tappeto….bisogna eliminarlo definitivamente!”.
Siamo arrivati ad un punto in cui, o decidiamo di fare un passo avanti, oppure non avremo più modo di recuperare per il divario che si è creato.
Vediamo insieme quali sono questi cambiamenti che influenzano ed influenzeranno sempre di più la nostra attività lavorativa:

SFRUTTARE I NUOVI SUPPORTI MOBILE
I nuovi strumenti mobile, vanno conosciuti e vanno sfruttati, ormai sono parte integrante del flusso produttivo di un creativo, di un tipografo, di un editore, di un’azienda, NON C’E’ SETTORE che non viene influenzato dalla presenza di questi nuovi supporti.
Allora, cosa aspettiamo ad utilizzarli al meglio? Non è certo diventando campioni di “CandyCrash” che si impara a sfruttare la potenzialità di questi strumenti!!
Fermatevi un attimo e fate l’elenco delle attività che svolgete sul vostro smartphone e tablet, quante di queste sono attinenti alla sfera lavorativa? La maggior parte sono per uso “personale”? Solo per mandare messaggi, usare i social networks (che sono utilissimi per lavorare) e per fare dei selfie?

Beh, potete fare di meglio. Continuando a leggere questo articolo vi suggeriremo alcune app gratuite (in questo caso quelle di Adobe) da utilizzare nel vostro lavoro di creativi e/o editori,  fotografi, tipografi ecc.
Ormai le app gratuite messe a disposizione di Adobe sono tantissime:
Adobe Photoshop Mix – Una versione di Photoshop per mobile da utilizzare ovunque siate.
Adobe Comp CC – L’app d’impaginazione per realizzare layout su tablet o smartphone e continuarli sul vostro computer desktop appena rientrate in ufficio
Adobe Brush – Vi permette di creare pennelli da utilizzare su mobile oppure in Photoshop o Illustrator quando siete in ufficio.
Adobe Shape – Scattate e vettorializzate, oppure vettorializzate in tempo reale un soggetto che può essere interessante per un vostro progetto e poi ritrovatelo quando rientrate in ufficio sul vostro PC desktop.
Adobe Color: lasciatevi ispirare dai colori che vi circondano e trasformateli in librerie cromatiche da utilizzare in InDesign, Illustrator o Photoshop è semplicissimo e divertente.
Adobe Sketch: siete bravi illustratori o serve fare uno schizzo veloce? Potete sfruttare questa app per farlo sul vostro smarphone o tablet e poi riutilizzare il disegno quando siete in ufficio.
Adobe Illustrator Draw: per creare progetti vettoriali a mano libera.
Adobe Slate: realizza una storia o una presentazione in pochi minuti.
Adobe Clip: create  ed editate video direttamente da iPhone o iPad.
Questa sono solo alcune sulle quali volevamo richiamare la Vostra attenzione, ma le trovate tutte qui riunite, per scaricarle subito e non dimenticarne nemmeno una!
Provatele e scoprirete che vi permetteranno di iniziare a lavorare nei momenti e nei luoghi più inaspettati.

LAVORARE IN GRUPPO
Anche su questo argomento, il network di Studio 361° insiste da anni: esplorare – ascoltare – condividere, sono le parole chiave che abbiamo scelto per la giornata d’informazione che si è svolta a Marzo 2015 a Verona e saranno i punti chiave che ci accompagneranno anche nel prossimo incontro, di cui vi racconteremo al rientro dalle vacanze estive.
Vista la situazione economica in cui versa il nostro paese, non è più possibile restare chiusi ed isolati nel tentativo “di coltivare il proprio giardinetto”, si rischia di vederlo rinsecchire mentre altre realtà si uniscono, creano team di lavoro che, unendo le forze e le competenze, risultano appetibili e competitive sotto vari aspetti.
La strategia del “coworking” permette di dividere le spese di gestione degli spazi di lavoro, permette di conoscere realtà complementari alla propria ed in questo modo ci si stimola a vicenda ad imparare ed esplorare nuovi mercati. Quello che non avete il coraggio di fare da soli, potete farlo insieme a qualcuno più preparato e coraggioso di voi, oppure potete restare in un angolo ad aspettare che i tempi cambino….a voi la scelta. Per fare questo passo servono 3 elementi:
– un po’ di umiltà
– spirito di adattamento
– voglia di imparare e confrontarsi con gli altri

CONDIVISIONE CONTENUTI
Adobe ha creato un sistema di Librerie che permettono di condividere i contenuti fra i vari programmi e con gli altri utenti,  sia su desktop che mobile, questa è la linea guida che viene messa in luce con l’ultima versione di Creative Cloud. Condividere materiale per poter accedere velocemente ovunque vi troviate, per collaborare con qualcuno che non è seduto di fianco a voi e per ottimizzare le tempistiche nel passare i files da un programma all’altro. Un unico “repository” di contenuti, personalizzabile sulle vostre esigenze! Geniale!!
Un altro esempio di “condivisione” è il servizio Adobe Stock, che mette a disposizione migliaia di immagini e vettoriali per la realizzazione dei vostri progetti, avere a disposizione l’immagine giusta e realizzare il logo adeguato, non è mai stato così semplice. Attenzione però, questo materiale è disponibile a tutti e quindi è ancora più semplice scoprire che qualche frettoloso ha utilizzato lo stesso disegno o immagine di un’altra persona ed il Cliente crede di avere in mano un progetto pagato per “originale ed esclusivo”….. Ha fatto scalpore la campagna pubblicitaria della Juve che riporta la stessa idea già utlizzata da una squadra minore un anno prima, andate a leggere qui, se siete curiosi. Sembra che questo sia stata veramente una coincidenza, ma spesso non è così… Siamo tutti concordi sul fatto che le tempistiche sono pressanti, ma “copiare con criterio” e personalizzare materiale scaricato dalle banche è d’obbligo per evitare brutte figure.
Tornando al discorso di Adobe Stock, questo servizio mette a disposizione risorse e bassissimo prezzo, i fotografi ed i creativi devono fare qualche riflessione sul cambiamento che li riguarda.
Bisogna produrre material di qualità, i Clienti (non intendo quelli che pretendono un logo e lo vogliono pagare 50,00 euro) vogliono “veri creativi” e ci sono luoghi dove trovarli in tutto il mondo con un solo clic: Behance è uno di questi luoghi.

NON C’E’ GUERRA FRA I MEDIA
Ancora qualcuno che insiste sulla crisi della carta?!!?? La carta è morta?? Basta!!
La carta, il web, il digitale NON sono antagonisti, ma complementari. Serve produrre qualità, finchè ci saranno professionisti improvvisati e Clienti ignoranti, che guardano solo al prezzo del prodotto offerto, non ci sarà possibilità di progredire.
Ogni attività deve essere rispettata per quello che è, per quanto possa sembrare “intangibile” il prodotto che ne scaturisce. Sono argomentazioni vecchie, ma ancora una volta ci si imbatte in Aziende che mostrano con orgoglio il catalogo prodotti realizzato con Excel, che hanno realizzato in 9 mesi di lavoro, a costo zero (nella loro testa, a costo zero, in realtà è tutto diverso) con delle fotografie fatte in casa, per non investire in un fotografo professionista ed in uno studio grafico adeguato….
La tecnologia mette gli strumenti in mano a tutti, non tutti sono in grado di sfruttarli per realizzare prodotti “professionali” in grado di rappresentare l’immagine di un’Azienda.
Avere un sito web non è la stessa cosa che avere la pagina  su Facebook per evitare di costruire un sito web, avere un catalogo in PDF da sfogliare sull’iPad, non significa avere un prodotto di editoria digitale interattiva!!!
Tutti i supporti sono validi per mostrare il proprio lavoro, la tendenza è quella di poter  visualizzare i progetti i devices, questo non significa che un supporto vale l’altro.
Adobe Preview CC: l’app che vi permette di guardare un’anteprima su device, in tempo reale,  il lavoro realizzato in Photoshop.

Tutti i concetti che abbiamo riassunto in questa News, non sono nuovi, li avete già sentiti o letti durante i nostri incontri, è inutile “remare contro” e cercare di stare ancorati ai propri metodi di lavoro, sappiamo e ripetiamo sempre che questi cambiamenti richiedono impegno in termini di tempo e denaro, ma sono l’unico modo per far sopravvivere la vostra attività lavorativa.
Non c’è più tempo per aspettare “il futuro” perchè il futuro è già presente e state rischiando di restare nel passato senza avere più la possibilità di recuperate il gap che si è creato. Prima iniziate a sperimentare le nuove soluzioni, prima vi abituerete a questi continui cambiamenti.
Se pensate che, prima o poi, il mercato “si fermi” commettere l’errore più grande e resterete indietro irreparabilmente, pensateci molto seriamente.

2017-05-19T15:25:25+00:00 giugno 21st, 2015|News|