Iscriviti alla newsletter

Tel. +39 030 5240195 info@studio361.it

Ex Libris e protezione degli eBooks

Gli editori e gli autori che decidono di distribuire i propri libri digitali possono associare un DRM ai propri progetti per proteggerne la divulgazione.

Alcune piattaforme di distribuzione mettono a disposizione un servizio completamente gratuito che consente di applicare un watermark digitale agli ebook.

Bisogna tuttavia ricordare che un sistema di protezione perfetto, in grado di evitare le copie illegali senza creare problemi al lettore, putroppo, non esiste e, se applicato, ogni algoritmo si può potenzialmente neutralizzare.

D’altra parte anche il libro su carta si può fotocopiare o prestare, quindi non è una novità.
Inoltre, abbiamo già sperimentato da tempo tutti i problemi legati alle limitazioni tecnologiche di altri DRM (potete leggere questa esauriente “Lettera aperta di un libraio agli editori sui DRM”) per non parlare delle potenziali conseguenze negative dovute ai continui aggiornamenti software.

Il Social DRM (con watermark personalizzato) al contrario, rappresenta un buon deterrente alla “copia facile” e non crea problemi a chi legge, anzi, valorizza il volume digitale.

Con questa forma di protezione, ogni volume viene personalizzato con un Ex Libris digitale contenente i dati dell’acquirente e in ogni pagina vengono inserite, in modo assolutamente invisibile al lettore, le informazioni identificative della transazione d’acquisto.

Se volete approfondire la conoscenza sugli Ex Libris, potete leggere questo eBook, che racconta la storia degli ExLibris da Gutenberg ai giorni nostri.

Se dovete realizzare un Ex Libris da associare al Vostro eBook, ecco alcuni suggerimenti efficaci:

– Non utilizzare creatività con sfondi neri o troppo scuri perchè la grafica potrebbe essere personalizzata con un testo nero fornito dalla piattaforma di distribuzione e si rischierebbe di non leggerne i contenuti.
– L’Ex Libris identifica l’editore quindi è preferibile farla realizzare da professionisti
– Meglio far apparire testi personalizzati in modo diretto ed evitare l’inserimento generico dei campi variabili

Ad esempio:
Questo libro appartiene a

[nome] [cognome] o  Grazie [nome] per aver acquistato un libro [editore] è molto meglio di un generico[nome] [cognome] [editore]

A questo punto siete pronti per distribuire il vostro eBook!!

2017-05-19T15:25:30+00:00 febbraio 17th, 2014|News|