Apple Music è arrivato sul Web.

Apple si propone con una versione per il web di Apple music disponibile per tutti coloro che sono già abbonati nella versione mobile.

Nonostante una web-app non ufficiale negli ultimi mesi abbia attirato l’attenzione di centinaia di migliaia di utenti, questa è la prima volta che Apple lancia la sua prima applicazione musicale per il web.
Dopo anni che gli utenti Apple richiedono e desiderano una versione web del servizio, Apple si è data da fare per accontentarli.

Per utilizzare la nuova versione Web di Apple Music, gli abbonati possono visitare il link beta.music.apple.com e accedere con il proprio ID Apple.

Al momento del lancio, il servizio include molte funzionalità di base:

  • La ricerca e la riproduzione di brani dal catalogo Apple Music
  • La ricerca e la riproduzione di brani dalla libreria (se Sync Library è abilitato)
  • L’accesso alle playlist
  • Tutte le sezioni principali dell’app Apple Music, tra cui Libreria, Cerca, Sfoglia e Radio.

Apple si riserva di espandersi con altre funzionalità nel tempo, quando il servizio verrà ulteriormente sviluppato pian piano. Durante il periodo del test per la versione beta dell’applicazione web, chiamato anche beta testing, Apple ha sollecitato il feedback dei clienti mentre continuerà a lavorare sul servizio che si propone di offrire cercando di semplificare la funzioni ed eliminare eventuali bug.

In un secondo momento, i nuovi utenti potranno iscriversi ad Apple Music attraverso il sito Web, per il momento, però, Apple permette solo agli abbonati già esistenti che si sono registrati altrove l’utilizzo del servizio. La versione web è l’inizio, per la grande società, di rendere l’applicazione musicale disponibile su più piattaforme possibile. Il servizio è già disponibile come app per iPhone, iPad, Apple TV, Apple Watch e Mac. E all’evento WWDC 2019, Apple ha annunciato i suoi piani per smantellare iTunes sul Mac, rendendo Music un’app standard con accesso a download, contenuti della libreria e servizio di streaming di Apple Music. Apple Music è disponibile anche su piattaforme non Apple, come Android, Windows, Sonos e Amazon Echo.

La disponibilità multipiattaforma è essenziale nel mercato di streaming di oggi, poiché Apple Music deve far fronte alla concorrenza di Spotify, Pandora / SiriusXM, Amazon Music, YouTube Music e altri lettori locali. Nel trimestre conclusosi a giugno Spotify ha registrato 108 milioni di abbonati paganti e Apple Music ha superato i 60 milioni di abbonati a fine giugno.

Ma Apple non si ferma qui, infatti Apple Music si tuffa più a fondo nello streaming di concerti con Billie Eilish.

Mentre le app di streaming musicale fanno fatica a differenziarsi, Apple sta trasformando i video dei concerti in una parte più centrale della sua strategia con il grande spettacolo Billie Eilish dello scorso dicembre al Steve Jobs Theater del suo quartier generale. Il concerto degli Apple Music Awards è stato trasmesso in diretta e poi su richiesta per i 60 milioni di abbonati di Apple Music.

Oltre allo streaming del concerto, Apple sta cercando di rafforzare la sua percezione di alleata di arte e artisti. Dato che Apple Music è solo una piccola parte delle enormi entrate del produttore di iPhone, può sembrare eccessivamente aziendale e capitalista rispetto ai concorrenti solo musicali come Spotify che alcuni vedono come più allineati con il successo dei musicisti. Per aumentare il numero dei suoi abbonati e guadagnare punti con i creatori, Apple Music non vuole sembrare come se fosse stata progettata per vendere più hardware Apple, quindi dalla serata del concerto Apple vuole mostrare il suo rispetto per gli artisti, distribuendo i suoi primi Apple Music Awards. Billie Eilish ha vinto Artist of the Year.

Le stesse statue premio sono manufatti appositamente realizzati da Apple. In quello che sicuramente diventerà un oggetto da collezione stravagante, ogni premio è confezionato con il suo speciale livello di spirito Apple e viti di montaggio per un’installazione di classe.

La speranza sembra essere che sia i vincitori che i loro colleghi artisti se ne vadano con la percezione che a Apple importi davvero della musica. Ciò, oltre alla scala di Apple Music, potrebbe aiutarli a convincere a condividere più collegamenti con le loro canzoni sul servizio di streaming e presentare il loro profilo in vista delle loro presenze su app di ascolto concorrenti.

Sul fronte del concerto, Apple ha iniziato a tenere il suo annuale Apple Music Festival, precedentemente iTunes Festival, nel 2007.

Tutto ciò rappresenta un’enorme opportunità per Apple. I video in streaming dei concerti, che in genere non sono disponibili al di là del filmato mosso della fotocamera fatto da un partecipante, qui vengono resi protagonisti all’ecosistema musicale. Se alcune piattaforme sono disposte a pagare per girare e produrre i video, esse possono essere potenti differenziatori. La visualizzazione di video può portare gli utenti a sviluppare una maggiore affinità per qualsiasi compagnia che trasmette gli spettacoli piuttosto che semplicemente ascoltare un’app generica di sola musica.

Apple è già in vantaggio rispetto a concorrenti, come Spotify, che fanno molto poco sul fronte del video del concerto. Lo streaming di più spettacoli come quello di Billie Eilish potrebbe aiutarle Apple Music a competere meglio con YouTube Music, che integra lo streaming musicale tradizionale con una vasta gamma di rarità, video musicali e concerti in streaming come Coachella. Apple ha anche la fortuna di avere un’impronta globale di negozi e uffici che potrebbe aiutarla a lanciare e registrare più spettacoli con meno mal di testa logistici.

Ad oggi, Apple Music si è appoggiata alle sue pre installazioni su telefoni, tablet e computer dell’azienda, oltre al suo sistema di prova gratuito, per favorire la crescita; ma con alcune accortezze e strategie ben assestate Apple Music potrebbe costruire un marchio separato e con più credibilità della stessa Apple.

Vi lasciamo i link degli articoli che potrete visionare in lingua originale.
Apple Music launches a public beta on the web
Apple Music dives deeper into concert streaming with Billie Eilish